Senden hat offenbar funktioniert, aber es wird noch ein Bestätigungsmail verschickt, sobald die Änderungen angekommen sind.
Es hat etwas nicht funktioniert. Bitte den Inhalt in Word (o.Ä.) kopieren und per Mail schicken.

Brief (003-B37_61)

Roma li 11 Febbr. 69.

Stimatissimo Signore!

Mi rincresce assai che una certa indisposizione,1 confinandomi per qualche tempo al letto, non m'abbia permesso di ringraziarla, come avrei voluto, subito della graziosissima Sua lettera e del bel dono onde era accompagnata. Un'altra cosa Lei parrà meno scusabile, cioè il non aver avuto, benchè occupandomi di dialetto-logia italiana, conoscenza dei dotti articoli scritti da Lei su tal argomento, la cui lettura mi ha recato grandissimo piacere. Ma non ho cominciato a dedicarmi a cotali studj che dacchè isto lontano dalla mia patria; e Ginevra e Roma, quelle due città dove ho passato la più parte di quasi due anni, amministrano tanto poco aiuto letterario in questo riguardo che più d'un'opera bella e importante finora non mi comparsero innanzi. Quante mie ricerche an-che intorno a libri stampati a Roma, anzi in questo secolo riescono vane! Qui non si può fare conto che del caso, della combinazione, come preferisce di dire il Romano.- // Quella notuccia mia su slipe ecc. la scrissi, due anni fa, e non mi ricordo bene le espressione adopratesi. Se ho detto che sl-, sn- indicano la pro-venienza tedesca, ho voluto prescindere dalle composizioni relativamente moderne (p. es. slombare, snervare, se non fossero italiane piuttosto che latine, avrebbero forma diversa: elombare, enervare) e perciò trasparentissime. Slipe, slape, snorio (secondo la Sua etimologia) non entrano in questa categoria e così sarebbero senza analogia. Le poche altre parole che incominciano per sl-, sn-, evidentemente hanno l'origine germanica: slitta, slop, snello.- // Quanto al Suo progetto di fondare un periodico non posso che applaudirlo sommamente; se Ella mi crede buono a qualcosa, mi comandi a bacchetta.2 Ma di ciò e di altro spero che potrò discorrere con Lei a viva voce, allorchè, passando fra alcune settimane per Milano avrò l'onore di riverirla.

Intanto mi creda riconoscentissimo della egregia Sua compiacenza e mi consideri
qual amico sincerissimo
e dev.mo

HUGO SCHUCHARDT


[1] Schuchardt klagt sehr häufig über seinen angegriffenen Gesund­heitszustand.

[2] Es kann vorweggenommen werden, daß Schuchardt trotz wiederholter Bitten und Aufforderungen Ascoli's keinen einzigen Beitrag zum AGI geleistet hat, obwohl er fast ausschließlich in periodischen Schriften publizierte.