Senden hat offenbar funktioniert, aber es wird noch ein Bestätigungsmail verschickt, sobald die Änderungen angekommen sind.
Es hat etwas nicht funktioniert. Bitte den Inhalt in Word (o.Ä.) kopieren und per Mail schicken.

Brief (022-00216)

Milano, 22 maggio 1876.

Amico pregiatissimo,

Le rendo molte grazie pe' Suoi doni cortesi e proficui; e vengo a disturbarla con una preghiera che spero Le sia dato esaudire senza soverchio Suo disturbo.

Mi urgerebbe cioè d'avere (fosse anche a prestito e per pochi giorni): 'Foerstemann Ern., De Comparativis et Superlativis Linguae Grecae Comm., Halis 1844.'1 Potrebbe la bontà Sua comperarla a mio debito, o procacciarmela a prestito, e farmela a ogni modo tener súbito, per la posta? Le ne sarei rico-noscentissimo davvero, e La pregherei d'indicarmi ogni Sua spesa, acciò io ne La possa prontamente rimborsare.

Fra pochi giorni mi permetterò di mandarle un nuovo fascicolo dell'Archivio, e mi permetto sin d'ora di raccomandare alla Sua attenzione due o tre fra i 'Ricordi bibliografici'2 che ci ho inserito. Chi sa quante belle cose Ella avrebbe ad aggiungere intorno a parecchi punti che si toccano in questi saggiuoli! E dovrò io proprio perdere la speranza che Ella mi dia qualche Suo contributo per l'Archivio? Mi mandi il Suo studio sul romanesco, e io glielo stampo in un batter d'occhio.

Quando s'incontra col prof. Pott3, voglia, La prego, ricordarmi a lui con molta reverenza ed affezione; ed Ella voglia sempre un po' di bene

al Suo affmo devmo
G. I. Ascoli.


[1] Ernst Wilhelm Foerstemann (1822 - 1906): De Comparativis et Superlativis Linguae Graecae et Latinae, Diss., Halle, 1844.

[2] G. I. Ascoli: Ricordi bibliografici, in: AGI 2 (1876), 395-458.

[3] August F. Pott (1802 - 1887), Linguist und Orientalist.