Senden hat offenbar funktioniert, aber es wird noch ein Bestätigungsmail verschickt, sobald die Änderungen angekommen sind.
Es hat etwas nicht funktioniert. Bitte den Inhalt in Word (o.Ä.) kopieren und per Mail schicken.

Brief (35-3725)

Venerato e Illustre Maestro,

qui siamo atterriti, ma salvi. Di là da questi monti migliaia di vittime e un cumulo immane di rovine: Reggio e Messina non esistono più!1

Mi scrive il R.° Provveditore agli Studi di Cosenza perché preghi amici, colleghi e scolari ad offrire qualche soccorso. Si correrà subito in aiuto delAll’Illustre Maestro

Sig.r Prof. Hugo Schuchardt Socio dei Lincei Graz2 le famiglie dei professori morti o feriti. Abbiamo bisogno di soccorso urgente. –

Mi rivolgo alla S.a V.a, agli Studenti di Graz, agli Amici di questa terra. Ella o il Prof. Ive,3 che ossequio, potranno spedire a me l’obolo: per mezzo mio, il mio superiore soccorrerà le povere vittime di tanti colleghi. Abbia la bontà di farlo sapere al Prof. Ive.

Il Mandalari4 è salvo: era a Messina.

Mi perdoni e accolga il mio ossequio

Rossano (Calabria), 5 gennaio, 1909

Suo per sempre
G. De Giacomo


[1] La mattina del 28 dicembre 1908 un terremoto aveva devastato Messina e Reggio Calabria.

[2] De Giacomo usava talvolta indicare sulla seconda pagina il destinatario della lettera. Il testo della lettera stessa continua soltanto a pagina 3.

[3] Antonio Ive (1851-1937), cf. nota 2 alla lettera 2-3692.

[4] Mario Mandalari , cf. nota 2 alla lettera 6-3696.