Senden hat offenbar funktioniert, aber es wird noch ein Bestätigungsmail verschickt, sobald die Änderungen angekommen sind.
Es hat etwas nicht funktioniert. Bitte den Inhalt in Word (o.Ä.) kopieren und per Mail schicken.

Brief (26-3715)

Chiarissimo Signor Professore,

Eccole, e mi perdoni l’involontario ritardo – i disegni delle trottole come le usano qui e in tutti i paesi dal Crati al Catanzaro.1 Del resto, su per giù, ha la stessa forma in tutta la Calabria: il capriccio dei tornitori ne fa di tante specie.

Essa prende vari nomi:

A Cosenza si chiama strummulu, a Catanzaro strumbu, a Reggio Calabria strumbulu; a Palmi palorgiu, e poi, in vari paesi: curru (così anche in Bari o Lece [sic]), vurruzzulu e vurruzzu, ratadazzu [1], carrocciolo, ru

[1] forse = ruoto e laccio o ruota a laccio

scillu, pirricchju, tabána e tabanella, ‘vrusciu, ‘brusciu, ‘zarnu, taratasciu, verricchju, verricillu, brusta, rriju, piriddu, scurrillu… Credo che molti altri nomi avrà in paesi dove non sono stato a raccogliere il materiale folkloristico.

Troverà scritte, su due strisce, le frasi che alla trottola si riferiscono.2 Ho fatto ciò che ho potuto: avrei voluto mandarLe le fotografie ed una raccolta più ampia di nomi e di frasi, ma queste, ora, ho trovate, qua e là, nei | miei poveri scritti.

Mi comandi sempre.

Ed ora una buona notizia: Il Comm. Fiorini,3 capo del movimento al Ministero della P.a I.ne, mi scrive (è la prima volta!) e mi dice che ha esaminati i miei titoli e li trovati pari alla viva raccomandazione ricevuta dal Suo Collega Comm. Sparagna.4 Mi promette che cercherà di offrirmi magari una supplenza. Io ringrazio la S.a V.a., illustre Professore, e il nostro Prof. Ive,5 che mi presentò al Comm. Sparagna. Il resto, spero, lo farà il Professor D’Ovidio,6 e voglio credere che mi manderanno in una sede dove possa trovare la pace, di cui ho tanto bisogno.

La saluto insieme con il Professore Ive e Le reco le affezioni della mia famigliuola. Mi creda per sempre

Rossano (Calabria), 25-VIII-1905

Dev.mo ed obbl.mo
G. De Giacomo

Frasi e modi di dire che si riferiscono alla trottola7

A persona che si vuol minacciare di farla andare di qua e di là si dice:

1° rifazzu roce cumi nu strummulu

Oppure:

2° La manu mine, e lu strummulu roce!

Oppure:

3° Lu strummulu si chiame strummulu, ca roce: mal armachilla carni, chi ti fice

oppure:

4° Si si’ natu ppi roce ti chiami strummulu; si ppi savutà ti chiami pivuzu ([…]ippa)

5 Ad unu ad unu si fanu li strummula a cintinara si vinunu

6 Joca joca strummulillu, ca lu tiempu a da passà.

7° Pirricchiu, pirrija – mu ti ricrij: cuminciu li castagni, ed iju vaju jucannu. (Si gioca alla trottola quando maturan le castagne)

8° U carpentieri fa li pirricchi, e la trippa s’arripicchie (soffre)

9° Pirricchiu, piriju, vienimi manu; sátami all’ugna, ma nu ti ‘nfunne: ammazzu lu puorcu, e ti jettu al l’uortu. (Quando cominicia il carnevale e si ammazzano i maiali finisce il gioco della trottola)

10: Figliu di l’angiuli, pirricchiu bonu, vienimi trova.

11 Nasce lu strummulu, ch’è tunnu tunnu, tuttu girije, e pero’ si ricrije.

12 Vurza e vurruzzu, ghinchju lu vuozzo (il buzzo), ma si lumini, puo’ ti girije –

13 La staccia (lastruccia che serve al gioco detto li stacci) sta; lu rriju girirrije.

14 Jancu ti ficiu, tabána mia, mo’ si’ cca nterra tutta spaccata, tutta grupata e chiangi mi fa’

15 Chi lu strumbu nu sa, ‘nterra nu po’ sta.

16 L’arma di lu strummulu è lu caminu.

17 Pordu: ricordu = strummulu vieni, strummulu tieni (Vuol dire, forse: se la trottola gira, io vinco)

18 Audi! Ma nu’ sente: dorme. (Dorme la trottola quando gira stando ferma)


[1] I disegni delle trottole sono conservati nella sezione “Werkmanuskripte 17.4.2”.

[2] Queste strisce sono conservate assieme alla lettera 28-3717, fanno però indubbiamente parte della presente lettera. Per questo motivo vengono trascritte qui.

[3] Vittorio Fiorini (1860-1925), storico e per lunghi anni importante funzionario all’interno del Ministero della pubblica istruzione (cf. Fagioli Vercellone 1997).

[4] Probabilmente Alfonso Sparagna (1849-?), cf. nota 2 alla lettera 18-3708.

[5] Antonio Ive (1851-1937), cf. nota 2 alla lettera 2-3692.

[6] Francesco D’Ovidio (1849-1925), cf. nota 2 alla lettera 5-3695.

[7] I seguenti due fogli furono archiviati assieme alla lettera 28-3717. Poiché De Giacomo, nella presente lettera (26-3715), fa riferimento però alle “due strisce” sulle quali Schuchardt “[t]roverà scritte (….) le frasi che alla trottola si riferiscono”, sembra plausibile che essi facciano parte di questa e non della lettera 28-3717, in cui non vi è alcun accenno del genere.