Senden hat offenbar funktioniert, aber es wird noch ein Bestätigungsmail verschickt, sobald die Änderungen angekommen sind.
Es hat etwas nicht funktioniert. Bitte den Inhalt in Word (o.Ä.) kopieren und per Mail schicken.

None (039-00232)

Mil., 6 ag. 82.

Amico pregiatissimo.

Un giornale di Milano (il 'Corriere della Sera'), portava, il 3 di questo mese, un telegramma del giorno stesso, in cui era detto, che l'Università di Würzburgo, festeggiando il III centenario dalla sua fondazione, mi aveva nominato 'dottore onorario'. 1 E me ne vengono congratulazioni da Udine e da Napoli. // Dev'essere una fiaba, o almeno ci dev'essere uno sbaglio di nome, poichè io non ebbi mai alcuna specie di notizia da Würzburgo. Nè conosco alcuno da quelle parti, che possa ajutarmi a intendere e a dissipare l'equivoco.

Potrebbe Lei, senza soverchio Suo disturbo, ajutarmi? Intanto mi scusi, e mi voglia sempre
Divmo affmo Suo

Asc.


[1] Vgl. dazu den Bericht des Corriere della Sera vom 3. August 1882: "Festeggiando il terzo centenario della sua fondazione, l'università di Vurzburgo nominò il professore Ascoli dottore onorario." - Mussafia gegenüber zeigt sich Ascoli ebenfalls über seine Ernennung zum Ehrendoktor überrascht; vgl. den Brief von Ascoli an Mussafia vom 20. August 1882: "L'Università di Würzburgo m'ha cacciata nella infornata centenaria dei suoi dottori. Io non conosco nessuno colà; ma il Ceriani m'insegna, che la Chiesa sceglie i cardinali tedeschi tra i professori e i dottori di Würzburgo. Ne consegue chiaramente, che di me si possa, col tempo, .... fare un papa".